Nel confermare i controlli il Sindaco tranquillizza circa la sicurezza dei mezzi.

Il sindaco Mauro Aquino, con una nota stampa a firma dell’amministrazione comunale, intende fare alcune precisazioni circa l’articolo da noi pubblicato, a firma del sottoscritto, riguardante i controlli eseguiti nei giorni scorsi dalla polizia stradale di Barcellona Pozzo di Gotto ai mezzi che trasportano gli scolari delle scuole pattesi, compresi gli scuolabus del Comune di Patti.

Il primo cittadino sostiene che “a seguito dei minuziosi controlli eseguiti, gli agenti della Polizia Stradale hanno contestato al Comune di Patti un’unica violazione relativa alla presunta mancata manutenzione di un estintore posto a bordo di uno scuolabus, stante la non perfetta leggibilità dell’etichetta dello stesso estintore ed elevando una sanzione di €. 85,00. In realtà, però, tale manutenzione era stata regolarmente effettuata in data 11.10.2017, come chiaramente riportato dalla scheda di manutenzione; non risponde al vero che la Polstrada abbia accertato che uno scuolabus era condotto da un autista con patente di guida scaduta da tre anni. In realtà, l’autista in questione non aveva la patente al seguito ed è stata elevata, nei suoi confronti, una sanzione di €. 41,00. Il medesimo autista, comunque, ha successivamente esibito all’autorità di P.S. regolare titolo abilitativo alla guida”. L’amministrazione comunale tranquillizza inoltre i genitori dei bambini che usufruiscono del servizio scuolabus, ribadendo “piena fiducia nel Direttore del competente Settore ed in tutti i dipendenti comunali quotidianamente impegnati, con spirito di sacrificio e massima dedizione, in questo delicato servizio”.

Per amore di verità dobbiamo dire che siamo stati contattati da una persona che ci ha fornito copia del verbale della polizia stradale dove era contestata la mancanza esibizione di patente di guida e di cqc (carta di qualificazione del conducente, documento necessario per effettuare quel tipo di trasporti), oltre a un certificato rilasciato dall’Asp di Messina a maggio del 2017 inerente la visita medica fatta dall'autista dello scuolabus per il rinnovo della patente.

Ha fatto bene il sindaco a chiarire, anche noi l’avremmo fatto indipendentemente dal suo comunicato. Avrebbe comunque fatto ancora meglio se ci avesse anche detto che durante i controlli è stata contestata la mancanza dei martelletti rompi cristallo, che servono, proprio in caso di emergenza, a frantumare i finestrini per uscire dagli scuolabus. In effetti, i martelletti c’erano; erano custoditi in un cassetto, probabilmente per eccesso di zelo, mentre la norma prevede che debbano tenersi in zona vano passeggeri. Riguardo all’efficienza, il sindaco avrebbe sicuramente fatto ulteriormente bene, anche se ci avesse detto che alcuni degli scuolabus fermati dalla polizia stradale non avevano superato la revisione periodica, ed erano stati rimandati indietro per eseguire gli interventi prescritti. Se per lui questa è efficienza non possiamo che prenderne atto.

Infine come non essere d'accordo con il sindaco circa "l'apprezzabile attività di controllo dei mezzi, sia pubblici che privati, adibiti al trasporto degli alunni" effettuati dalla polizia stradale. Apprezzabili, a nostro avviso, come quegli effettuati quotidianamente dai carabinieri e dalla polizia di Stato di Patti, anche ai mezzi del Comune. Ci auguriamo che, per la sicurezza di tutti i cittadini, e non solo degli scolari, i controlli proseguano anche in futuro, e che riguardino qualsiasi tipo di mezzo. Come più volte abbiamo scritto il livello di maleducazione alla guida nella nostra città raggiunge un livello altissimo; basta fermarsi 10 minuti in una qualsiasi strada trafficata per vedere come la maggior parte degli automobilisti guida tenendo il cellulare all'orecchio, e purtroppo anche in mano a scrivere messaggi o a navigare su Facebook.

Il Portale PattiOnLine.it utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.